Il tagliator tagliato

Carlo CottarelliNon era certo mia intenzione ma pare proprio che il mio post di due giorni fa abbia portato una certa sfiga. Ma non a Cottarelli, agli Italiani! Non ho certo le competenze per giudicare la questione ma ho la sensazione che quest’uomo sia in gamba, ha ricevuto l’incarico di individuare spese tagliabili nell’oceano dei conti pubblici e lo sta facendo.

Sempre a sensazione credo che i problemi siano due: Cottarelli da un lato non si limita a trovare delle banconote dimenticate in qualche cassetto (che è forse quello che i politici e molti di noi in fondo sperano) ma invece trova delle spese a suo modo di vedere inutili e propone quindi dei tagli. Tagli di spese superflue significa anche che qualche posto di lavoro diventa ballerino.

L’errore di Cottarelli, secondo me, è di entrare troppo nel merito delle decisioni da prendere, non si limita a trovare sacche di spesa cui è possibile rinunciare, inefficienze e sprechi, ma mette un po’ troppo il naso indicando quello che si dovrebbe fare, compito che spetta invece al governo o comunque alla parte politica.

Di errori il nostro primo ministro secondo me ne fa due, il primo è quello di promettere tagli ma di non voler davvero tagliare, licenziare, risparmiare. Il secondo è di continuare con questa serie di “ce ne faremo una ragione” per cui tutto e tutti sembrano utili e niente e nessuno indispensabile. A me sarebbe utile, tanto per chiarirmi un po’ le idee, sapere che cosa il primo ministro ritiene davvero indispensabile perchè mi sono un po’ perso…

I soldi dello stato

I questo periodo tutti sembrano preoccupati per i conti dello stato. Tutti dicono che lo stato non ha abbastanza soldi per fare questo o per fare quello, non sono d’accordo. Secondo me lo stato ha troppi soldi, troppissimi. Lo stato dovrebbe occuparsi di pochissime cose: Sanità, Sicurezza, Istruzione e Giustizia. E sarebbe un compito già quasi impossibile così.

I borboni devono smetterla di provare a gestire società informatiche, imprese di pulizia, trasporti. Non è compito loro e non sono capaci di farlo, che la smettessero di provarci. A proposito, qualcuno sa che fine ha fatto Cottarelli?

Incassa tangenti per lo stato…

Ho appena finito di leggere un articolo piuttosto interessante in cui un sedicente finanziarie rilascia una intervista e spiega come funzionano davvero i controlli che vengono effettuati alle imprese. Prima di andare a leggere l’articolo lasciatemi fare un paio di premesse: merita di essere letto anche se viene da un pulpito piuttosto discutibile ed è […]

[Continue reading…]

10 passi avanti e 12 indietro

Che la burocrazia abbia raggiunto livelli intollerabili per una società civile dovrebbe essere sotto gli occhi tutti. Non credo che tutti siano consapevoli di quanto questo abbia un devastante impatto sulla vita di tutti (nessuno escluso) gli italiani credo sia molto meno chiaro, oggi sul corriere abbiamo trovato un interessante articolo che fa una sorta […]

[Continue reading…]

La tassa sui vulcani

Lo stato, nella sua infinita creatività, ha appena varato una nuova tassa: il senato ha approvato la Tassa sui Vulcani, 5 euro. Il sindaco di Lipari, esultando, spiega: Non si tratta di una nuova imposta o di un inutile balzello. Sin dallo scorso anno esisteva già per l’accesso ai vulcani l’opportunità di istituire un ticket […]

[Continue reading…]

Il commercialista sbaglia? Paga il contribuente

La sentenza della Cassazione n. 27712 dell’11.12.2013 è veramente strepitosa, in un colpo solo ha fatto fuori alcuni dei pochi punti fermi che credevo di avere in questo burocratico paese. La vicenda riguarda un caso tra un commercialista e il suo cliente. Il primo ha commesso un errore nella preparazione della dichiarazione dei redditi del […]

[Continue reading…]

Complicatori e semplificatori

Un bell’articolo di oggi su corriere.it racconta della finta guerra che si combattono due nemici-amici, colui che semplifica e colui che complica. Il contenuto dell’articolo è piuttosto interessante non tanto nella sua prima parte (in cui si commenta una richiesta dell’INPS che rivuole un centesimo di euro da un pensionato, indebitamente percepito), è molto più […]

[Continue reading…]

Come difendersi dallo stato

L’uso della lettera minuscola non è casuale: quello italiano è uno stato con la minuscola e che le cose abbiano ormai oltrepassato il punto di non ritorno si capisce da tante, piccole cose. Ad esempio il Corriere della Sera pubblica oggi un breve articolo con istruzioni per difendersi dalla temuta lettera legata al redditometro. A […]

[Continue reading…]

Le parole sono importanti

Ci siamo, i Borboni hanno messo a punto e collaudato la loro nuova arma micidiale e stanno per metterla in azione, con il beneplacito di molti cittadini se non addirittura il plauso. Questo strumento viene infatti da molti immaginato come uno strumento di lotta all’evasione, peccato che non sia così. Partiamo dalla notizia, come riporta […]

[Continue reading…]

Perchè il governo Monti non ha ridotto la spesa pubblica?

Un ottimo editoriale di Panebianco analizza i difensori della spesa pubblica italiana e arriva a due interessanti conclusioni: la prima è che, a giudicare dalle ultime sentenze della corte costituzionale la riduzione della spesa pubblica sembrerebbe impossibile, incostituzionale (appunto) e la seconda è che il governo di Mario Monti, pur avendo tutte le carte in […]

[Continue reading…]