629 norme in sei anni

47081-ilyke.net-large-0s01Chi non ha a che fare con il fisco italiano secondo me fa fatica a capire quello di cui stiamo parlando. Quando lavoravo come dipendente facevo parte anche io del gregge di quelli che si incazzavano quando venivano pubblicate le statistiche dei gioiellieri che guadagnano 1000 euro all’anno, pensavo che le tasse sono una cosa giusta e che avrei voluto pagarne anche io tantissime, sicuro che le tasse si pagano solo se si guadagna, in proporzione al guadagno.

Quanto ero ingenuo, quanto non sapevo. Ignoravo il fatto che professionisti e aziende possono avere da pagare tasse anche quando sono in perdita, ignoravo l’abominio degli studi di settore, le tasse fisse, che si pagano indipendentemente dal guadagno ma soprattutto non avevo idea dei costi del fisco per professionisti e imprese, in termini di tempo e di incertezza.

Quando sono diventato imprenditore ho iniziato a fare un ripasso di congiuntivi e condizionali: parlando con il commercialista sentivo spesso usare l’espressione “dovrebbe“. Dovrebbe essere giusto, dovrebbe essere così.

Come dovrebbe, ho pensato, cambiamo subito commercialista. Poi ho capito che il problema non è il professionista, è proprio il fisco italiano a essere incomprensibile nella sua giungla di norme, normette, decreti attuativi, codici e codicilli. Questo fa perdere una marea di tempo e crea una incredibile incertezza, ad esempio il corriere della sera qui segnala 629 norme negli ultimi sei anni, più di 600 nuovi adempimenti che complicano la vita degli imprenditori, alla faccia della semplificazione.

I poveri commessi del parlamento

lafacciacomeilculoHanno veramente la faccia come il culo. E io li ho visti, ci sono stato a montecitorio, ho visto quelli che fanno passare borse e zaini attraverso il metaldetector per il modico stipendio di 50.000 euro all’anno. Hanno il coraggio di non sentirsi dei privilegiati ma siccome detesto le generalizzazioni è giusto dire che almeno uno di questi non si sente un privilegiato.

In una interessante intervista comparsa su panorama spiega che lo stipendio mica lo ruba. Ha dovuto sostenere un duro concorso con concorrenza spietata. Ci mancherebbe altro, certo che i soldi non li ruba e certo che ha vinto un concorso solo che ora la festa è finita.

I diritti acquisiti suoi sono identici a quelli di un dirigente di un’industria o di una qualsiasi impresa privata quando questa fallisce. E’ arrivato il momento, montecitorio ha fallito ed è fallito, si rimandino tutti a casa e si faccia un nuovo parlamento cominciando con nuovi concorsi con stipendi terrestri. Un commesso. 50.000 euro che arrivano a 140.000 alla fine della carriera.

Stiamo scherzando? Basta!

1 minuto alla settimana

th

1 minuto di lavoro. Alla settimana. Sembra uno scherzo invece è tutto vero, è quanto capita a un veterinario secondo quanto riportato dal corriere della sera ma attenzione prima di puntare il dito verso l’obiettivo sbagliato: non si tratta di un dottore sfaticato o assenteista, lui si limita ad attenersi al suo contratto quindi se […]

[Continue reading…]

I borboni son fatti così

Ordine_del_giorno

So che i miei lettori faranno fatica a crederci ma sono pronto a giurarlo con una mano stesa su una montagna di bibbie: non me la ssto inventando. Da un comune del nord Italia arriva, via mail, una convocazione. Questo il testo della convicazione: SI COMUNICA CHE IN DATA 11/09/2014, ORE 20.30, SI TERRA’ IL […]

[Continue reading…]

Dietro a Turchia, Malta e Panama

turchia-ist

Sorpresa! Secondo il World Economic Forum, l’organizzazione che tiene ogni anno il forum di Davos, il Belpaese si classifica 49esimo nella rassegna della competitività 2014, confermando la sua posizione. Ma il raffronto col resto d’Europa è impietoso, anche se il “programma di riforma” è ben visto. In testa la Svizzera, poi Singapore e Usa. In […]

[Continue reading…]

L’aci

aci

Non sto parlando di quell’ente inutile, sto parlando dell’Associazione dei Contribuenti Italiani che ha il sito più brutto del mondo (dal punto di vista estetico) ma come associazione ne imbocca parecchie. E non mi riferisco soltanto al meraviglioso logo che così bene ci rappresenta: se riuscite a resistere al ribrezzo e alla generale sensazione di […]

[Continue reading…]

Il peso delle minoranze

Minoranze

L’Italia è il Paese bloccato dalle minoranze. Ma non nel senso che le minoranze fanno il loro mestiere opponendosi alla maggioranza a colpi di idee e progetti migliori e alternativi. No, ci mancherebbe. Nel senso che le minoranze si rifiutano di accettare l’a,b,c del funzionamento democratico, e cioè che la maggioranza debba, a un certo […]

[Continue reading…]

9000 euro più della Merkel!

Angela_Merkel_Juli_2010_-_3zu4

I sostenitori dei diritti acquisiti e inviolabili si preparino a difendere l’indifendibile: il mitico Stella ci ricorda che i funzionari della Camera sono costosi. Non un po’ costosi, molto costosi. Per i terrestri sono cifre difficili da capire, come quando si parla del debito pubblico o delle manovre finanziarie, quando gli zeri diventano talmente tanti […]

[Continue reading…]

Il tagliator tagliato

Carlo Cottarelli

Non era certo mia intenzione ma pare proprio che il mio post di due giorni fa abbia portato una certa sfiga. Ma non a Cottarelli, agli Italiani! Non ho certo le competenze per giudicare la questione ma ho la sensazione che quest’uomo sia in gamba, ha ricevuto l’incarico di individuare spese tagliabili nell’oceano dei conti […]

[Continue reading…]

I soldi dello stato

I questo periodo tutti sembrano preoccupati per i conti dello stato. Tutti dicono che lo stato non ha abbastanza soldi per fare questo o per fare quello, non sono d’accordo. Secondo me lo stato ha troppi soldi, troppissimi. Lo stato dovrebbe occuparsi di pochissime cose: Sanità, Sicurezza, Istruzione e Giustizia. E sarebbe un compito già […]

[Continue reading…]